Granada – Diario di Viaggio in Andalusia

Granada - diario di viaggio in andalusia

<< LEGGI LA PUNTATA PRECEDENTE DEL DIARIO DI VIAGGIO

Riprendiamo il racconto del nostro Viaggio in Andalusia da Granada.

Martedi 28 Giugno

TRANSLATE:

Dopo essere atterrati a Malaga ed aver preso un autobus direttamente dall’aeroporto, alle 13:30 arriviamo alla Estacion de Autobuses di Granada, in Avenida Juan Pablo II.

DALLA STAZIONE DEGLI AUTOBUS AL CENTRO CITTA’ – GRANADA

Per spostarci dalla stazione degli autobus al centro città, abbiamo preso due autobus cittadini: il primo, SN2, in direzione Cruz del Sur, scendendo proprio a Cruz del Sur e facendo poi il cambio con la Linea LAC, scendendo alla fermata Marquès de Falces, proprio vicino alla Cattedrale e alle vie principali. I biglietti del bus cittadino sono costati € 1,20 a testa, validi 60 minuti, inclusi i cambi, si possono acquistare sul bus.

La stazione degli autobus è a circa due chilometri e mezzo dal centro della città.

Finalmente scendiamo a Granada centro ma il nostro alloggio sarà pronto solo per le ore 16:00, così visitiamo la Cattedrale e le viuzze tutt’intorno. Passeggiamo con gli zaini ancora in spalla lungo le vie piene di negozietti dal sapore medio-orientale, ci imbattiamo in un mercato e sembra quasi di essere in Marocco: c’è odore di spezie nell’aria, stoffe colorate appese in ogni dove, lanterne, architetture particolari… Il nostro primo impatto con Granada è pieno di emozione. Non sembra di essere in Spagna, dietro l’angolo, sembra di essere molto più lontano. E’ molto suggestivo.

Granada - Cattedrale - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada – Cattedrale – Diario di Viaggio in Andalusia
Granada - Mercatini e Bancarelle - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada – Mercatini e Bancarelle – Diario di Viaggio in Andalusia

E’ ora di pranzo e così gironzoliamo un pò in Plaza de Bib-Rambla, piena di negozietti e ristoranti, molto turistica, fino a giungere in Plaza de la Romanilla, dove adocchiamo qualche locale che sembra pieno di gente del posto. Abbiamo letto che qui si mangiano le tapas e siamo ansiosi di cominciare a tapear! Così ci fermiamo presso La Tortuga Boba, dove prendiamo due birre ed assaggiamo le nostre prime tapas (Leggi anche il nostro articolo “Cosa Sono le Tapas?“).

Granada - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada – nei dintorni della Cattedrale – Diario di Viaggio in Andalusia
Granada - un Brindisi e Tapas a La Tortuga Boba - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada – un Brindisi e Tapas a La Tortuga Boba – Diario di Viaggio in Andalusia

Dopo pranzo ci dirigiamo al nostro alloggio, abbiamo fittato un appartamentino mansardato per due notti, in Calle Elvira, una via molto centrale e movimentata, ad un prezzo super accessibile, poco meno di 35 euro a notte incluse le pulizie finali, tramite Booking.com, Comet Suites Calle Elvira 109. La sistemazione è a dir poco deliziosa!

Ci riposiamo giusto un paio d’ore: dobbiamo recuperare dopo la notte insonne trascorsa in aeroporto.

Alle ore 20:00 abbiamo prenotato un ingresso ai Bagni Arabi, Hammam Al Andalus, di Granada. Scendiamo un’oretta prima per percorrere la famosa stradina che costeggia il fiume, Carrera del Darro, e per esplorare brevemente il quartiere dell’Albaicin. Qualche minuto prima delle venti siamo all’ingresso dei Bagni Arabi che si riveleranno una delle esperienze più sorprendenti e rilassanti di questo viaggio. Potete leggere il racconto completo della nostra esperienza nel nostro articolo dedicato ai Bagni Arabi.

Granada, Carrera del Darro - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada, Carrera del Darro – Diario di Viaggio in Andalusia
Granada - Iglesia de Santa Ana - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada – Iglesia de Santa Ana – Diario di Viaggio in Andalusia
Hammam Al Andalus - Bagni Arabi di Granada
Granada – Bagni Arabi Hammam Al Andalus – Diario di Viaggio in Andalusia

Dopo tutto quel relax siamo stati assaliti nuovamente da una gran fame e non abbiamo resistito a provare uno dei numerosi ristoranti – teterie – marocchini. Ne abbiamo scelto uno particolarmente colorato e d’atmosfera proprio su Calle Elvira, ormai la nostra via di casa. Abbiamo mangiato cous cous e pollo tajine, il tutto assolutamente delizioso.

Mercoledi 29 Giugno

Avevamo prenotato, da casa, prima di partire – tutte le guide e le risorse on line trovate raccomandavano caldamente di farlo – il nostro ingresso presso l’Alhambra di Granada e i Generalife.

Dopo una lunga camminata in salita di circa un chilometro e mezzo, in mezzo al verde, entrando per la Puerta de las Granadas, si arriva all’ingresso, ma ci sono anche dei bus che vi ci portano direttamente senza dover scarpinare tanto, come noi. Preparatevi a spalancare più volte la bocca e gli occhi. L’Alhambra è un vero gioiello, non a caso patrimonio dell’umanità Unesco. Un posto unico, non avevamo mai visto nulla di simile. Le foto ve la descriveranno meglio di come potrebbero fare mille parole.

Granada - Alhambra - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada – Alhambra – Diario di Viaggio in Andalusia
Granada - Alhambra - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada – Alhambra – Diario di Viaggio in Andalusia
Granada - Alhambra - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada – Alhambra – Diario di Viaggio in Andalusia
Granada - Alhambra - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada – Alhambra – Diario di Viaggio in Andalusia
Granada - Alhambra - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada – Alhambra – Diario di Viaggio in Andalusia

Terminata la nostra lunga visita (va via circa mezza giornata), ci siamo ritrovati fuori, sotto il sole cocente – vi abbiamo già detto che in Andalusia fa un caldo bestiale?! – stanchi morti e con i piedi come due cotechini perchè i palazzi e i relativi giardini sono enormi e si cammina tantissimo. Così, abbiamo comprato un paio di bottigliette d’acqua ghiacciate e abbiamo pensato bene di fare un giro sul trenino! Data la stanchezza, ma dato anche che si trattava del nostro ultimo giorno in quel di Granada ed eravamo fermamente intenzionati a non perderci nulla, siamo saliti sul Granada City Tour che altro non è che un vero e proprio trenino, con tanti vagoncini all’aperto, dove sedersi e lasciarsi trasportare in giro per la città. Il biglietto è stato anche piuttosto economico, considerando che dura 24 ore e che si può salire e scendere quando si vuole e che tocca alcuni dei punti più interessanti della città. Oltretutto, in alcuni punti, specie quando si addentra nell’Albaicin, tra le pietre di cui è lastricata la strada e le enormi salite e discese è un pò come andare sulle montagne russe. Divertente e riposante. In questo modo, siamo riusciti a farci un giretto anche nel quartiere del Sacromonte e per le viuzze dell’Albaicin.

Granada - Albaicin - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada – Albaicin – Diario di Viaggio in Andalusia
Granada - Dettaglio Porta - Diario di Viaggio in Andalusia
Granada – Dettaglio Porta – Diario di Viaggio in Andalusia

A sera ci attendeva invece il nostro primo spettacolo di Flamenco, anche primissima collaborazione di questo blog, partiamo alla grande! Potete leggere il nostro articolo, completamente dedicato all’esperienza del Flamenco a Granada, se volete saperne di più. Vi diciamo solo che è stato molto emozionante e passionale.

eltemplodelflamencocollage

Terminata la nostra cena con spettacolo, siamo tornati (un pò danzando, un pò ridendo, un pò incespicando perchè avevamo bevuto) presso il nostro appartamentino, l’indomani sarebbe giunto il momento di salutare questa bellissima città.

LEGGI ANCHE IL NOSTRO ARTICOLO “10 COSE BELLE DA FARE & DA VEDERE A GRANADA”

CONTINUA A LEGGERE IL DIARIO DI VIAGGIO >>

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e ci farai felici!
Se “MiStoViaggiandoAddosso” ti entusiasma, seguici su Facebook, Twitter e Instagram!
Se pensi che questo articolo possa essere utile ai tuoi amici, condividilo sui social!

2 thoughts on “Granada – Diario di Viaggio in Andalusia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *