Diario di Viaggio a Cracovia – 3 Giorni per Visitare la Città & i Dintorni

cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-copertina

Visitare Cracovia in primavera è stato bellissimo. La città risplendeva sotto i raggi del sole e il mercato dei fiori, nella piazza principale, ci ha accolti con un tripudio di colori e di profumi.

Consigliamo di prendersi almeno tre giorni di tempo per visitare Krakow perchè, visita della città a parte, ci sono alcuni luoghi nei dintorni che sono davvero imprescindibili. Parliamo del Campo di Concentramento di Auschwitz e delle Miniere di Sale, tappe obbligate, leggermente fuori città, che vale sicuramente la pena di vedere. Mentre scriviamo questo articolo è inverno, e la Giornata della Memoria si sta avvicinando, perciò dedicheremo un articolo a parte ad Auschwitz, che pubblicheremo nei prossimi giorni (Ven 26 Gen), per dare a questo luogo lo spazio e le riflessioni che merita.

TRANSLATE:

auschwitz-visita-al-campo-di-concentramento-copertina
Auschwitz – Visita al Campo di Concentramento – in Pubblicazione il 26 Gennaio 2018

Intanto, oggi vi portiamo a zonzo per le vie di una delle città più affascinanti della Polonia. La nostra visita a Cracovia è stata una conseguenza del nostro soggiorno a Varsavia per motivi di studio di Vale, ci siamo presi alcuni giorni di libertà e abbiamo preso un treno che ci ha condotti in città.

LEGGI ANCHE IL NOSTRO ARTICOLO: “Maggio a Varsavia, Vi Racconto una Storia…

La stazione di Cracovia si è presentata subito bene, accogliendoci nel migliore dei modi, con un grande e colorato centro commerciale modernissimo. Ci siamo quindi diretti al nostro alloggio, un ostello di infima categoria dove siamo stati malissimo, perciò non ne menzioneremo il nome, che però aveva una posizione ottima, a pochissimi passi dal centro storico, e a un prezzo ridicolmente basso. Dopo aver mollato i pochi bagagli (giusto due zainetti), ci siamo subito buttati a capofitto nella visita della città. L’ostello si trovava appena fuori il Parco Planty, area verde, ad anello, che circonda tutto il centro storico, dalla parte del Barbakan. Così, passando il mezzo al parco, ci siamo subito fermati ad ammirare il Barbacane, con le sue mura a difesa di Cracovia e la meravigliosa porta di ingresso alla città, St. Florian’s Gate.

cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-barbakan
Barbakan
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-St-Florians-Gate
St Florian’s Gate
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-St-Florians-Gate-dettaglio
St Florian’s Gate

Il primo luogo in cui siamo approdati è stata la grande piazza medievale di Stare Miasto (la città vecchia), Rynek Główny, la Piazza del Mercato, dove era in corso un meraviglioso mercato di fiori. Da un lato, le altissime torri della Chiesa di Santa Maria regalavano una piacevole ombra, dall’altro troneggiava una struttura molto particolare, al centro della piazza, una galleria, al cui interno vi erano una serie di bancarelle di artigianato locale, chiamata il Mercato dei Tessuti. Questa piazza ci ha davvero colpito, sia per le sue dimensioni, ben 40.000 metri quadrati, sia per le architetture e i monumenti ospitati.

cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-Rynek-chiesa-di-santa-maria
Le Torri della Chiesa di Santa Maria
Rynek – Mercato dei Fiori
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-Rynek-mercato-dei-tessuti
Rynek – Mercato dei Tessuti
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-Rynek-mercato-dei-tessuti-galleria
Mercato dei Tessuti – Galleria

Lasciata la piazza, ci siamo incamminati verso il fiume e il Castello, imboccando la Grodzka, una bella strada dritta, dalla pavimentazione lastricata di pietre, molto turistica, piena di negozietti e ristoranti. Percorrendola, ci siamo incantati dinanzi alle meravigliose e numerose statue all’ingresso della St. Andrew’s Church, una delle costruzioni più antiche della città.

cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-grodzka-st-andrews-church
St. Andrew’s Church

Terminata la passeggiata, si è aperto davanti a noi uno scenario da favola: il Castello del Wavel, in tutto il suo splendore, troneggiava su una collina. Abbiamo quindi imboccato una via laterale, entrando in una zona verde, fino a sbucare sul fiume Vistula e dinanzi all’ingresso del Castello stesso. Il Wavel, visitabile, custodisce al suo interno, tra le altre cose, la Cappella Reale, il Tesoro Reale e l’Armeria Medievale. Esso è estremamente ricco di storie e leggende, tra cui spicca sicuramente quella del Drago del Wavel, terribile creatura dalla violenza inaudita che viveva nei meandri di una caverna all’interno della collina e che si nutriva principalmente di vergini. Nessun cavaliere riuscì mai a sconfiggerlo finchè, un giorno, un umile calzolaio, pensò bene di offrire in pasto alla bestia una pecora riempita di zolfo. Il Drago la divorò voracemente e, subito dopo, fu colto da una sete inestinguibile che lo portò a bere tutta l’acqua del fiume, fino a farsi esplodere. Ancora oggi, dinanzi al fiume, ai piedi della collina del Wavel, è possibile ammirare la statua del Drago che, ogni tanto, sputa fuoco (lo fa sul serio! A seguire, testimonianza fotografica con Vale – che si stava mettendo in posa per la foto di rito – a cui prende un colpo).

cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-castello
Castello del Wavel
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-castello
Castello del Wavel
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-lungo-il-fiume-vistula
Il Fiume
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-la-leggenda-del-drago
Castello & Drago
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-statua-drago-sputa-fuoco
Il Drago Sputa Fuoco

La vista sul fiume è magica e, dall’altra parte di esso, si intravede una città più moderna, viva e al passo coi tempi.

Tornando indietro, ci siamo fermati alla Chiesa Luterana Kościół św Marcina dove si stava esercitando un coro, e siamo entrati, incantati, ad assistere.

cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-noi-fiume
Noi
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-vistula
Vistula
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-coro-chiesa-luterana
Coro – Chiesa Luterana

Nel tardo pomeriggio, siamo tornati nella Piazza Principale della città vecchia dove, nel frattempo, era stato allestito anche un mercato medievale con la ricostruzione delle botteghe artigiane di quel tempo, veramente simpatico e d’atmosfera. Infine, abbiamo scelto uno dei tanti locali e ristoranti che Cracovia offre a tutti i turisti che, ogni giorno, vengono a visitarla. Un posto molto particolare, di ambientazione medievale (volevamo rimanere in tema), scavato nella roccia, illuminato da candele, che ci ha servito la birra in antichi boccali di (finto) peltro, Media Aetas, consigliato da noi di MiStoViaggiandoAddosso.

cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-Rynek-mercato-medievale-fabbro
Mercatino Medievale – Il Fabbro
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-ristorante-medievale-Media-Aetas
Media Aetas – Ristorante Medievale

Il giorno successivo, sarebbe stata la volta della visita ad Auschwitz, a cui, come detto sopra, dedicheremo un articolo a parte, in uscita in data 26 Gennaio 2018.

Il terzo giorno, ci siamo recati alle Miniere di Sale, una visita a cui non si può davvero rinunciare. Situate nella città di Wieliczka, sono state utilizzate per l’estrazione del sale dal XIII secolo al 1996 e si tratta delle più antiche miniere di sale al Mondo. Raggiungono una profondità di 327 metri e presentano gallerie e cunicoli per un’estensione totale di 287 km, di cui però soltanto 3,5 disponibile alle visite al pubblico. Qui, tutto è fatto di sale, dalle statue ai cristalli dei lampadari appesi agli ampi soffitti. All’interno del percorso si possono ammirare stanze, cunicoli, cappelle e laghi sotterranei in un continuo di stupore e ammirazione totale, in quella che è stata definita la Cattedrale di Sale della Polonia.

cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-miniere-di-sale
Miniere di Sale
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-miniere-di-sale
Miniere di Sale
cracovia-diario-di-viaggio-tre-giorni-miniere-di-sale
Miniere di Sale
Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e ci farai felici!
Se “MiStoViaggiandoAddosso” ti entusiasma,
seguici su Facebook, Twitter, Instagram e YouTube!
Se pensi che questo articolo possa essere utile ai tuoi amici, condividilo sui social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *